Scusate il ritardo...

É un po' di tempo che non pubblico recensioni, ultimamente sul blog ho discusso altri argomenti. Cercherò di rimediare con una bella carrellata di film che ho visto nell'ultimo mese...sono un po' di tutti i generi.

Sette Anime:
un film che ti lascia qualcosa dentro. Tim (interpretato da Will Smith) è il protagonista di un dramma che lo vede coinvolto in un incidente dove perdono la vita sette persone, tra le quali sua moglie. Quando una persona vuole rimediare a un errore commesso cerca di farlo in tutti i modi...io sinceramente non ho mai visto farlo così. Non vi dico altro, non voglio rovinarvi il film...veramente emozionante. Siamo a gennaio, ma è candidato sicuramente a essere uno dei film più belli dell'anno.

Ember - Il mistero della città di luce: Ember è una città costruita dagli umani nelle profondità della Terra. La sua ubicazione la costringe ad una perenne illuminazione artificiale, garantita da un super generatore di corrente. Dopo centinaia di anni dalla sua nascita, la struttura comincia a mostrare i primi segni di debolezza e dei ragazzini intrepidi cercano in tutti i modi di capire cosa c'è fuori Ember per portare tutti in salvo. Un fantasy interessante, consigliato se vi piace il genere.

Yes Man: Jim Carrey, alias Carl, è un impiegato di banca rimasto traumatizzato dal divorzio con la moglie. Da quando vive da solo preferisce stare lontano dagli amici, dal mondo e rifiutare qualsiasi proposta gli venga fatta, anche solo per uscire un po'...insomma, dice sempre "no". Un giorno viene convinto da un vecchio amico a partecipare al seminario degli "Yes Man!" la cui filosofia gli cambierà completamente la vita. Film simpatico.

The Millionaire: Jamal è un ragazzo che vive ed è cresciuto nella baraccopoli di Bombay (oggi Mumbai). Durante un attacco al villaggio rimane senza madre. Lui, il fratello e una ragazzina, Latika, che hanno conosciuto in quell'occasione fuggono insieme. Nasce un bel rapporto tra Jamal e Latika, ma un giorno sono costretti a separarsi. Lui per tanti anni non ha modo di vederla, quindi decide di partecipare al famoso gioco "Chi vuol essere milionario?". Il suo scopo non è vincere soldi, ma farsi vedere da Latika, consapevole del fatto che il programma è il più seguito in India. Le esperienze di vita che ha vissuto da bambino lo porteranno però a toccare un sogno molto, ma molto più grande di lui. Film molto bello, raccontato bene e rappresentato con realismo. Consiglio vivamente.

Davanti agli occhi: un casino di film...alla fine neanche esaltante. In una cittadina americana vive una ragazza adolescente che si chiama Diana (Uma Thurman). Un giorno un ragazzo fa una strage di vittime nella sua scuola. Quando si ritrova faccia a faccia con Diana e la sua migliore amica, chiede loro di scegliere chi delle due deve morire. A questo punto il film fa un balzo di 15 anni nel futuro e ritroviamo Diana adulta. Durante il racconto della sua vita da mamma ci sono numerosi, forse troppi flashback che ci riportano indietro, alla sua vita da studentessa. E il film prosegue sempre così! 10 minuti di presente e 10 minuti di passato, presente, passato...non si riesce a trovare un filo logico nel racconto! Il finale mi ha lasciato perplesso. O sono io ritardato o il film era fatto veramente male.

Defiance - I giorni del coraggio: Bielorussia, 1941. Siamo in piena Guerra Mondiale e i nazisti perquisiscono fattorie e villaggi alla ricerca di ebrei da sterminare. Tre fratelli si rifugiano nei boschi per sfuggire alle persecuzioni. A loro si aggiungono numerose persone, anch'esse per scappare dai nazisti. Con il passare del tempo verrà creata una vera e propria comunità di ebrei che riesce a sopravvivere all'interno della foresta costruendo villaggi, andando a caccia...a ognuno viene assegnato un compito ben preciso. Ma le insidie sono numerose e il freddo dell'inverno porta malattie. Ispirato a una storia vera. Davvero bel film.

Milk: ispirato alla vita di Harvey Milk, primo politico americano dichiaratamente gay ad essere stato eletto a una carica istituzionale. La storia inizia da New York, dove Harvey vive con il suo compagno. Per sentirsi più liberi ed avere una maggiore considerazione all'interno della società decidono di trasferirsi a San Francisco. Aprono un negozio di fotografia che diventa punto di riferimento per la comunità gay della città. Il forte attivismo di Harvey e i suoi modi di fare, lo rendono una figura apprezzata da tutti, non solo dai gay. Per concretizzare i suoi ideali di libertà e di uguaglianza si candida come consigliere. Ma c'è chi lo invidia o ha ancora un forte pregiudizio verso di lui. Un film nel complesso ben fatto, la storia è un po' compressata ma ripercorre bene le varie tappe della vicenda. A volte è un po' troppo incentrato sulle avventure amorose del protagonista piuttosto che sul suo impegno politico. Giudizio comunque postivo...ve lo consiglio.
Category: 0 comments

Germania vs. Grecia

So che alcuni di voi già conoscono questo video, ma non so perchè l'altro giorno è venuto fuori in una discussione. Lo pubblico per chi non lo conoscesse :D

Hope


In bocca al lupo, Presidente!

Ecco com'è che va il mondo

In mezzo al taglio dei fondi per le Università, allo scandalo Alitalia, al costante aumento della disoccupazione, alla Social Card privilegio di pochi eletti (e per ora mi fermo qui) c'è un paese, l'Italia, che sta andando completamente allo sfascio...la percentuale di ignoranza aumenta notevolmente grazie a trasmissioni televisive che lasciano imbambolate milioni di persone e grazie a una classe politica che sa il fatto suo e che ormai si sta componendo di personalità "illustri" e svariati premi Nobel (notare il tono di ironia) passati o meno dal piccolo schermo. Ecco appunto...la classe politica...se penso che elementi come questo stanno per "scendere in campo" (e scommetto che un po' di voti li prenderà) seguendo l'esempio di altri che già sono dentro (o che magari son diventati già ministri) mi viene voglia di gridare AIUTO!

Le soluzioni alle quali sto meditando sono 3:
1. fuggire dal paese (opzione saputa e risaputa)
2. partecipare a un reality show qualsiasi ed entrare così automaticamente a far parte della prossima squadra di governo
3. eremitismo...chissà che non impari a parlare con gli animali (cosa che ormai tento da anni con insuccesso)

Vi lascio con un video...è un po' vecchio ma sempre di attualità!

Questi in realtà li avevo visti nel 2008

Ultimatum alla Terra: film sugli alieni. Un bel giorno a Central Park (ma le catastrofi partono sempre da lì? Eppure è un bel posto!) atterra una sfera luminosa dalla quale escono due esseri potentissimi. Sono alieni, venuti per difendere la Terra dal suo nemico peggiore...l'uomo. Bella la frase: "Se voi morite, la Terra sarà salva. Se voi sopravvivete, la Terra morirà". Tutto sommato come idea non è male...sono d'accordo con la lotta contro l'inquinamento globale. Il problema è che alla fine anche l'alieno si rammollisce e non porta a termine la sua missione. Secondo me qualche terrestre gli ha girato una mazzetta...film discreto.

Madagascar 2: Spettacolare! I nostri eroi decidono di lasciare il Madagascar per tornare a New York, alla vecchia vita. Purtroppo il viaggio, organizzato dai mitici pinguini, non va come previsto e sono costretti ad atterrare in Africa. Qui riscoprono le loro origini, delle quali subito sono felici, ma che in realtà li faranno sentire...diversi. Una comicità attualissima, e soprattutto non infantile! (vedi scena delle trattative tra scimmie e pinguini per il congedo maternità). Una sola cosa mi ha lasciato perplesso...che ci facevano le Torri Gemelle nel panorama di New York??? Film comunque consigliatissimo!

Il bambino con il pigiama a righe: Bruno è il figlio di un comandante dell'esercito nazista durante la Seconda Guerra Mondiale. Suo padre ottiene una promozione e la famiglia si trasferisce in una casa di campagna. La curiosità di Bruno, e il bisogno di cercare nuovi amici, lo spinge fuori dalla casa, dove c'è un edificio che lui crede essere una fattoria. Qui conosce un bambino, con il quale si vedono tutti i giorni, ma non si possono toccare, in quanto separati sempre da un filo spinato. Nasce una bella amicizia tra i due, ma il finale è qualcosa di veramente tragico. Film struggente, ma veramente bello.

The Strangers: Beh, sì...ecco...cominciamo col dire che è ispirato a dei fatti realmente accaduti. Concludiamo subito dicendo che è il classico film dell'orrore all'americana. Coppietta sola in casa, bussano alla porta, entrano degli sconosciuti che terrorizzano i due per una notte intera. Li fanno solo spaventare, il mattino dopo, come prevedibile, li ammazzano. O forse no, non ho ben capito il finale. Comunque solita menata.
Category: 2 comments

Hapodanno 2009

Buongiorno e buon anno a tutti (ma perchè buongiorno si può scrivere tutto attaccato e buon anno no? Sbaglio qualcosa?). Eccovi una breve cronaca di quanto successo in quel di Firenze, in particolare nella residenza "Poggio la leona", vicino a Scandicci.
Cominciamo con la strada per raggiungere tale elegante residenza...sentiero bello, in mezzo agli ulivi, sterrato (meno male che non ha nevicato) dove si può fare la conoscenza di animali come i cinghiali e gli istrici...carucci. Per il resto la casa aveva i suoi pregi e i suoi difetti, ma non sto di certo a elencarli qui.
Comunque, la nostra compagnia avanzava in perfetto stile "Dawson's Creek" per le strade del capoluogo toscano senza timore alcuno dell'incombente freddo. Dopo una lunga camminata, e una discreta fame, la decisione è stata unanime...bistecca alla fiorentina! La sera è poi andata scemando in casa, tra la pericolosissima Wii (di cui porto ancora i segni) e Visual Game (una sorta di Pictionary fatto per coloro che amano la competizione).
Il giorno successivo ci siamo dedicati alle bellezze artistiche della città tra le quali ricordo ancora il campanile di Giotto...414 scalini a piedi e 6€ di pedaggio pagati sostanzialmente per fare loro il favore di pulire le pareti con i nostri giacconi mentre salivamo. La vista da lassù però devo ammettere che era super. Poi la visita a Piazza della Signoria, con state nude ovunque, tutte abbastanza infreddolite. Nel pomeriggio una scoperta sensazionale...la "Bepponda" in realtà non si trova al Louvre...ma a Firenze! Diciamo che c'erano anche la Alanonda e la Marukonda, ma è meglio risparmiarvene la visione. Non che la mia sia migliore...ma una basta e avanza.

Il resto del pomeriggio diciamo che l'abbiamo passato a imprecare perchè ogni cosa si volesse visitare (chiese comprese...grrr) richiedeva una tariffa d'ingresso. Il fastidio era crescente e ci siamo dati alla danza della pioggia. La sera (capodanno) è stata caratterizzata da una bellissima e apprezzatissima corsa coi sacchi dell'immondizia, da innumerevoli cazzotti esistenziali, pose da deficenti, e visione dei fuochi d'artificio di tutti i paesi delle colline circostanti. Confesso, ho anche sporcato un po' la casa...ma è colpa del Chianti. Avevamo sta cacchio di bottiglia da aprire e nessun cavatappi. Idea iniziale...facciamo come fanno su Youtube!!! Idea becera, da informatici, senza esito. Idea degli ingegneri (che poi sembra più una roba alla McGyver)...ricaviamo un cavatappi dalla maniglia del frigorifero! Ma anche questa...nisba. A quel punto rimango solo con la bottiglia...tento di distruggere il tappo usando un coltello, ma niente. Vado di cacciavite e il tappo finisce dentro...Splash! Lavaggio completo! A quel punto, col tappo di sughero distrutto dentro la bottiglia e 2 litri di Chianti da consumare...ce lo siamo versati nei bicchieri col colino...malati? Purtroppo sì. Eviterei a questo punto del racconto la parte che segue il Chianti e precede la mattina successiva...caratterizzata più che altro da versacci inutili e spargimenti di sangue. Blablablablablabla!
Non ricordo bene cos'abbiam fatto il primo dell'anno...cioè ieri...ma tra le foto ho questo cartellone...merita degli applausi!

E veniamo dunque a oggi...ultimo giorno...con visita alla galleria degli Uffizi. Per l'allegria della mia testa, sveglia prestissimo...per l'allegria delle dita dei miei piedi che si stavano congelando, 3 ore di coda per entrare. Resistiamo stoicamente e riusciamo ad entrare. Con la mia perfetta cultura da invertebrato, me ne andavo in giro per gli Uffizi a chiedermi se i gesù bambini ritratti nei quadri avessero ingerito delle quaglie intere, viste le taglie forti...se le figure che cercavano oggetti in un cassone in realtà stessero sboccando...se le ali di determinati personaggi come "Amore e Psiche" fossero realmente delle ali o somigliassero di più a dei Corn Flakes...e ancora a commentare le manìe di esibizionismo di tante statue con l'arnese di fuori. Ho fatto scappare una signora. Comunque, come si dice...tutto è bene quel che finisce bene (o per fare i fighi "everything's good as it ends good").
Viaggio di ritorno con tristissima nebbia appena giunti in Val Padana...morale a terra, si torna a studiare. Posso però dire di aver passato una bella vacanza, seppur breve. Grazie a tutti!