Hapodanno 2009

Buongiorno e buon anno a tutti (ma perchè buongiorno si può scrivere tutto attaccato e buon anno no? Sbaglio qualcosa?). Eccovi una breve cronaca di quanto successo in quel di Firenze, in particolare nella residenza "Poggio la leona", vicino a Scandicci.
Cominciamo con la strada per raggiungere tale elegante residenza...sentiero bello, in mezzo agli ulivi, sterrato (meno male che non ha nevicato) dove si può fare la conoscenza di animali come i cinghiali e gli istrici...carucci. Per il resto la casa aveva i suoi pregi e i suoi difetti, ma non sto di certo a elencarli qui.
Comunque, la nostra compagnia avanzava in perfetto stile "Dawson's Creek" per le strade del capoluogo toscano senza timore alcuno dell'incombente freddo. Dopo una lunga camminata, e una discreta fame, la decisione è stata unanime...bistecca alla fiorentina! La sera è poi andata scemando in casa, tra la pericolosissima Wii (di cui porto ancora i segni) e Visual Game (una sorta di Pictionary fatto per coloro che amano la competizione).
Il giorno successivo ci siamo dedicati alle bellezze artistiche della città tra le quali ricordo ancora il campanile di Giotto...414 scalini a piedi e 6€ di pedaggio pagati sostanzialmente per fare loro il favore di pulire le pareti con i nostri giacconi mentre salivamo. La vista da lassù però devo ammettere che era super. Poi la visita a Piazza della Signoria, con state nude ovunque, tutte abbastanza infreddolite. Nel pomeriggio una scoperta sensazionale...la "Bepponda" in realtà non si trova al Louvre...ma a Firenze! Diciamo che c'erano anche la Alanonda e la Marukonda, ma è meglio risparmiarvene la visione. Non che la mia sia migliore...ma una basta e avanza.

Il resto del pomeriggio diciamo che l'abbiamo passato a imprecare perchè ogni cosa si volesse visitare (chiese comprese...grrr) richiedeva una tariffa d'ingresso. Il fastidio era crescente e ci siamo dati alla danza della pioggia. La sera (capodanno) è stata caratterizzata da una bellissima e apprezzatissima corsa coi sacchi dell'immondizia, da innumerevoli cazzotti esistenziali, pose da deficenti, e visione dei fuochi d'artificio di tutti i paesi delle colline circostanti. Confesso, ho anche sporcato un po' la casa...ma è colpa del Chianti. Avevamo sta cacchio di bottiglia da aprire e nessun cavatappi. Idea iniziale...facciamo come fanno su Youtube!!! Idea becera, da informatici, senza esito. Idea degli ingegneri (che poi sembra più una roba alla McGyver)...ricaviamo un cavatappi dalla maniglia del frigorifero! Ma anche questa...nisba. A quel punto rimango solo con la bottiglia...tento di distruggere il tappo usando un coltello, ma niente. Vado di cacciavite e il tappo finisce dentro...Splash! Lavaggio completo! A quel punto, col tappo di sughero distrutto dentro la bottiglia e 2 litri di Chianti da consumare...ce lo siamo versati nei bicchieri col colino...malati? Purtroppo sì. Eviterei a questo punto del racconto la parte che segue il Chianti e precede la mattina successiva...caratterizzata più che altro da versacci inutili e spargimenti di sangue. Blablablablablabla!
Non ricordo bene cos'abbiam fatto il primo dell'anno...cioè ieri...ma tra le foto ho questo cartellone...merita degli applausi!

E veniamo dunque a oggi...ultimo giorno...con visita alla galleria degli Uffizi. Per l'allegria della mia testa, sveglia prestissimo...per l'allegria delle dita dei miei piedi che si stavano congelando, 3 ore di coda per entrare. Resistiamo stoicamente e riusciamo ad entrare. Con la mia perfetta cultura da invertebrato, me ne andavo in giro per gli Uffizi a chiedermi se i gesù bambini ritratti nei quadri avessero ingerito delle quaglie intere, viste le taglie forti...se le figure che cercavano oggetti in un cassone in realtà stessero sboccando...se le ali di determinati personaggi come "Amore e Psiche" fossero realmente delle ali o somigliassero di più a dei Corn Flakes...e ancora a commentare le manìe di esibizionismo di tante statue con l'arnese di fuori. Ho fatto scappare una signora. Comunque, come si dice...tutto è bene quel che finisce bene (o per fare i fighi "everything's good as it ends good").
Viaggio di ritorno con tristissima nebbia appena giunti in Val Padana...morale a terra, si torna a studiare. Posso però dire di aver passato una bella vacanza, seppur breve. Grazie a tutti!

10 comments:

Il Gillo said...

Quando mettete all'asta la Bepponda?

sandman said...

vogliamo la bepponda in aula studio! vicino alle mahhinette!

Anonymous said...

Da wikipedia:
Bepponda, opera prima e unica risalente al 1200 del semisconosciuto Leonardo da Linciare raffigura una donna alquanto mascolina dai lineamenti italo/siculo/africano/sanbernardino/rasta/sovietico
si trova esposta nella discarica di San Gimignano alle Terme chiuse (CV)
Buon anno merze
save

Genzo said...

AHAHAHAHAHAH !!!

MDlogo said...

Vogliamo commentare il materasso soprannominato "Distruggi schiena"????

Veramente io della Bepponda me ne ricordavo un'altra al contrario... ma avrò visto male!!!

Per il Chianti avremmo potruto provare con un mini cicciolo incastrato nel tappo in sughero... sarà per la prossima volta!!!

Cmq gran bel capodanno!!!

Beppazzo said...

Scommetto che inizieranno a girare delle copie pirata della Bepponda in aula studio.
Comunque confermo...ne esiste una inedita copia...al contrario!
A proposito, grazie save per la recensione dell'opera.
Al materasso non ci voglio più pensare se no mi torna il mal di mare.
Per il Chianti magari la prossima volta ci attrezziamo meglio va! :D

Genzo said...

Mdlogo...ma sei sicuro che fosse il letto...e non beppe :P ?

cmq scherzi a parte, chianti a parte , mi sono divertito tantissimo ;) un grazie a tutti ^^

Vito said...

hella lì,
io hèro .

MDlogo said...

Nooooo Genzo dici che era Beppe???? Non ci voglio pensare... meno male che ero nel sacco a pelo chiuso ermetico quasi sotto vuoto per mantenere il caldo!!! Praticamente inpenetrabile, in una botte di ferro!!!

Anonymous said...

Beppazzo davvero ti è piaciuta la mia recensione...ooohhhh mamma mia che emozione...ho gli occhi lucidi, mi viene da piangere!!!!
zave