Recensioni film: Marzo 2009

Live! - Ascolti record al primo colpo: pesante!!! Narra la storia di una produttrice televisiva, Katy Courbet. Vuole creare uno show innovativo, che tenga incollati gli americani allo schermo televisivo. L'idea che salta fuori è quella della "Roulette Russa". I concorrenti dovranno, in diretta, puntarsi alla fronte una pistola che ha un solo proiettile carico. Chi sopravvive vince 5 milioni di dollari, chi perde ovviamente muore. Le difficoltà per mettere in piedi uno spettacolo del genere sono tante. Ci sono da convincere i dirigenti del network, le aziende pubblicitarie, i politici e ovviamente tutti coloro che si oppongono per motivi etici. Soprattutto bisogna attirare concorrenti che vogliano ancora vivere la propria vita, non gente che punta al suicidio per fare più audience. La caparbietà di Katy permetterà allo show di andare in onda e l'idea che una cosa del genere un giorno potrà esistere in televisione fa venire i brividi, ma ha un nonsochè di eccitante. Persino l'ideatrice è agitata durante la trasmissione. Film davvero innovativo, guardatelo!

Space Chimps: film per bambini. Tre scimmie vanno nello spazio, trovano un pianeta con forme di vita intelligenti e ci fanno amicizia. Sinceramente non mi ha fatto neanche ridere, solo qualche piccola gag qua e là. Ha un unico pregio, è corto. Sconsigliato.

Il Mai Nato: horror, o presunto tale. Siamo nella solita cittadina americana dove la solita ragazza mentre fa jogging si imbatte in un bambino strano in una zona particolarmente isolata. Tale bambino (si scoprirà poi essere una creatura demoniaca) la perseguita giorno e notte. La ragazza fa ricerche e scopre la natura dell'essere che la insegue e per quale motivo è perseguitata. Il tutto si conclude con un bell'esorcismo...o gli horror non fanno più per me o sono veramente tutti uguali. Niente da fare...non mi è piaciuto.

Die Welle - L'Onda: spettacolare! Un professore di liceo in Germania viene incaricato di tenere un corso di una settimana sull'autocrazia. Durante la prima lezione chiede ai propri studenti: "Secondo voi è possibile che in Germania si crei al giorno d'oggi un nuovo movimento simile al fascismo?" Le risposte dei ragazzi ovviamente sono negative e denunciano proprio gli episodi relativi al Terzo Reich. Allora parte l'esperimento. L'insegnante, amato dai ragazzi, chiede loro di formare una sorta di comunità, di legare l'uno con l'altro, di fare gruppo. L'esperimento sembra procedere bene, i ragazzi danno un nome al gruppo..."L'onda", indossano camicie bianche, creano pagine dedicate su internet, hanno un simbolo identificativo e persino un saluto personalizzato. Il movimento inizia a prendere piede nella scuola, fa sentire il suo eco in tutta la città, il professore viene visto come un comandante. Si diffonde la moda dell'onda, se non ne fai parte sei inferiore... film impressionante, e davvero scioccante il finale. Assolutamente da vedere!!!

Gran Torino: Walter Kovalski è un reduce della guerra in Corea. Ormai è vecchio e malato, ha perso la moglie e con i figli non ha un buon rapporto. Vive bene nel suo quartiere, è molto chiuso ma detesta gli orientali che stanno popolando le case circostanti. Una sera uno di questi, costretto da una gang locale, tenta di rubargli la Gran Torino posteggiata nel garage. Il ragazzino non voleva in realtà, e cerca in tutti i modi di scusarsi. Come lui, tutta la sua famiglia. Per sdebitarsi quindi inizia a far dei lavori di casa per il vecchio Walter che inizia a vedere il ragazzo con un occhio diverso. Decide dunque di allevarlo e farlo crescere come un uomo. Il legame tra Walter e la famiglia orientale si stringe sempre di più, ma la gang del quartiere si fa viva più e più volte sconvolgendo il clima che si stava creando. Un film veramente bello, che tocca un argomento sempre attuale come il razzismo. Consigliato.

The Wrestler: drammatico...ma che delusione! Randy, protagonista della storia, era un grande wrestler degli anni 80. Oggi è vecchio e decrepito, ma continua a combattere. I problemi di salute si presentano e i dottori gli consigliano di smettere. Per campare lavora in un supermercato servendo la carne e i formaggi alle vecchiette. Ma non è felice, si sente solo e abbandonato e soprattutto gli manca il Wrestling, l'unico mondo dove si sente apprezzato. Storia che non ha niente di nuovo, film eccessivamente lungo per quello che racconta. Non mi è piaciuto granchè.

Push: la tamarrata del mese. In Germania dalla fine della Seconda Guerra Mondiale fino ai giorni nostri si portano avanti esperimenti sui veggenti. Viene somministrata loro una sostanza in grado di renderli esseri potentissimi. Nick, protagonista della storia è un ragazzo povero e sfigato che vive a Hong Kong. Da piccolo ha visto suo padre morire ucciso dalla Divisione, l'unità che cerca questi esseri per catturarli ed effettuare su di loro degli esperimenti. Prima di morire il padre gli lascia un messaggio..."un giorno una ragazza ti regalerà un fiore, tu dovrai aiutarla". La ragazza si scoprirà poi essere una 13enne veggente, neanche brava a disegnare ciò che vede. Nick, per salvare il mondo dovrà trovare una valigia contenente un farmaco in grado di fermare la divisione. Botte ed effetti speciali a palate, incongruenze a più non posso, orientali che usano gli ultrasuoni all'interno di grattacieli poco stabili e gente il cui destino è morire davanti a un ascensore, ma che alla fine non muore. Il film non fa schifo, anche perchè se no mi sarei addormentato. Valutate voi se guardarlo o no, son gusti.
Category: 0 comments

Gomorra

Ho finalmente finito di leggere "Gomorra" il libro di Roberto Saviano. Devo dire che è stato abbastanza faticoso. All'inizio la lettura è piacevole, le pagine scorrono volentieri e soprattutto si rimane scioccati da quante e quali cose vengono denunciate. Sì, perchè quando vai a fare acquisti in un negozio che vende vestiti firmati, o quando compri alimentari al supermercato, non puoi immaginare cosa ci sia dietro a tutta quella merce, nè il viaggio che ha fatto per arrivare nelle vetrine dei negozi. Non si possono immaginare certi metodi brutali per testare le partite di droga (per chi ha letto il libro mi riferisco ai "visitors"), non si possono immaginare omicidi efferati di persone che con la camorra magari non hanno neanche a che fare, ma che indirettamente e involontariamente ne fanno parte. Non si possono neanche immaginare così tante speculazioni dietro al cemento e ai rifiuti, o l'espansione geografica che hanno le famiglie mafiose.
Il problema di questo libro è che la lettura dopo un po' diventa pesante. Pagine e pagine di soprannomi degli affiliati ai clan, pagine e pagine che descrivono minuziosamente ogni omicidio, o ancora pagine e pagine che elencano le città dove la camorra ha avviato attività economiche.
Nel complesso il libro è bello, ed è comprensibile il successo che ha avuto, ma credo che faccia ancora fatica ad attirare quelle fasce di lettori che non hanno particolare interesse alle vicende dell'Italia dei giorni nostri. Purtroppo troppa gente non vuole informarsi, ma preferisce la tv e questo è (credo) uno dei principali motivi per cui il paese è allo sbando.

Beppe, Gillo e il teorema Esse-emme-enne

Preparando Fondamenti...

Io almeno ci ho provato

Ho finalmente il portatile nuovo ma come al solito mi ci hanno infilato un macello di software inutile. Tra questi ovviamente non poteva mancare il sistema operativo Windows Vista della Microsoft, che tanto mi aveva fatto penare nel periodo in cui lavoravo.
La situazione è questa: io ho provato a installare XP ma i signori della Dell non forniscono i driver per questo sistema operativo e sono stato costretto a lasciare Vista (quello fornito dalla mia università) in una partizione...ovviamente ora vi scrivo da Ubuntu, sul quale webcam e microfono non funzionano...grr!

Bene, "vista" la situazione ho spedito una raccomandata alla Dell, chiedendo il rimborso del costo del sistema e seguendo i consigli forniti dalla ADUC (Associazione per i Diritti degli Utenti e dei Consumatori) la cui vicenda è ripercorribile al seguente indirizzo: http://www.aduc.it/dyn/rimborsowindows.
Il sistema operativo io NON LO VOLEVO ma mi è stato venduto lo stesso.

Ho ricevuto pochi giorni fa la risposta da parte di un responsabile del settore commerciale DELL, il quale mi ha detto che la mia segnalazione è arrivata in tempo utile per richiedere il rimborso del prodotto. Ma con il termine "prodotto", ha specificato, si intende tutto il computer! Quindi sti qua preferiscono riprendersi indietro tutto il pc e restituirmi tutti i soldi che ho speso, piuttosto che riprendersi solo il sistema operativo e darmi 100 euro!!!

Ma siamo fuori???

24

Non è il titolo di una serie televisiva, non è il numero di ore in un giorno, non è una testata giornalistica nè tanto meno una stazione radio.
Oggi divento più vecchio...


AIUTO!!!

Ma metterci un bel tapis roulant?

Torna di moda la vicenda del ponte sullo stretto di Messina...e perchè non parlarne? Visto che il nostro paese ha già speso 250 milioni di euro per un'opera della quale non è ancora stata poggiata la prima pietra...direi che qualche parola vada spesa.

In particolare volevo affrontare l'argomento della fattibilità dell'opera e i relativi studi fatti da un professore dell'università di Roma, Remo Calzona.
Costui è stato uno dei primi progettisti del ponte. Rivedendo il progetto iniziale qualche anno dopo è tornato sui suoi passi evidenziando i problemi che si possono presentare durante e dopo l'eventuale costruzione. A tal proposito ha scritto un volume intitolato "La ricerca non ha fine - Il Ponte sullo Stretto di Messina" del quale non si sente parlare granchè. Tale libro infatti sta avendo una diffusione molto lenta e complicata. Solo ora (dopo molti mesi dalla sua stesura) cercando bene se ne riesce a trovare una copia. In realtà bisognerebbe capire perchè è così difficile da reperire.
I motivi possono essere molteplici: potrebbe essere stato nascosto volutamente poichè redatto proprio da uno dei progettisti iniziali? O, come dicono i diretti interessati (principalmente politici), si tratta di un volume per i soli "addetti ai lavori"?
Qualche tempo fa ho visto un'intervista dove il professor Calzona confessava a un giornalista il suo desiderio di vedere resa pubblica la sua opera.
Voi ne sapevate qualcosa?


Intanto un paio di osservazioni da fare...e pare che anche calabresi e siciliani se ne siano resi conto (finalmente in tv sento i diretti interessati esprimere dei pareri!!!).
Esteticamente: rovina un paesaggio favoloso...se non avete mai fatto una passeggiata con vista sullo stretto vi consiglio di andare. Ne vale davvero la pena.
Geograficamente: è una zona sismica, ci sono vulcani ovunque...dall'Etna all'arcipelago delle Eolie fino a quello scoperto di recente sotto lo stretto stesso. Il terremoto di Messina non ha insegnato niente?
Economicamente: è un'opera dispendiosa. Ci sono un sacco di infrastrutture da sistemare tra Calabria e Sicilia che così si rischia che l'unico tratto di strada in buono stato (e l'unico tratto di ferrovia funzionante) tra le due regioni sia proprio...in mezzo al mare!
Logisticamente: stando all'attuale progetto per raggiungere l'imbocco del ponte i cittadini di Reggio impiegheranno mezz'ora d'auto, come quelli di Messina ovviamente. Meglio fare un quarto d'ora di coda per aspettare il traghetto che, almeno porta in città.
Utilmente: quanti cittadini di Palermo prendono l'auto o il treno per andare a Berlino??? Esistono gli aerei, e ultimamente sono diventati particolarmente economici!

Recensioni film: Febbraio 2009

Il respiro del diavolo: un gruppo di malviventi sequestra un ragazzino dalla casa di una famiglia particolarmente benestante. Si rifugiano poi in una baita isolata per tenerlo nascosto e chiedere un riscatto per la liberazione. Ma non sanno con quale essere hanno a che fare. Le sue capacità sono in grado di aizzare le persone l'una contro l'altra e proprio il bambino li metterà seriamente in difficoltà. Film davvero molto bello. La tensione è sempre alta e non è mai noioso. Consigliato!

Revolutionary Road: drammatico. April e Frank sono una coppia felicemente sposata. Dopo un piccolo litigio si trasferiscono in una zona residenziale di una cittadina americana. I loro vicini di casa e le persone che li circondano li vedono come una coppia speciale, felici della vita che stanno vivendo. Ma la loro voglia di cambiare, di sentirsi giovani e di non volersi vedere passare la vita davanti li porta a prendere una decisione importante...mollare tutto e andare a vivere a Parigi. Gli sconvolgimenti che avrà questa decisione nel prosieguo della storia saranno devastanti. Un film davvero molto bello, a tratti addirittura angosciante ma ben fatto. Non guardatelo se siete depressi!

The Reader: drammatico anche questo...che depressione in sto periodo al cinema! Comunque, la storia inizia a Berlino, siamo nel periodo del dopoguerra. Un ragazzo di 15 anni, Michael sta tornando a casa quando un malore lo coglie all'improvviso e una signora lo soccorre e lo riaccompagna a casa. Lui si fa vivo dopo qualche mese per ringraziarla di quanto aveva fatto, e tra i due nasce una relazione amorosa. Si continuano a vedere per diversi mesi e i loro incontri sono caratterizzati da delle letture prima di fare l'amore. Un giorno, Hanna, questo è il nome di lei, riceve una promozione sul lavoro e sparisce inspiegabilmente dalla circolazione. Michael è disperato, ma la sua vita prosegue e diventa un avvocato, si crea una famiglia. Anni dopo si rivedono, in un aula di tribunale in circostanze poco piacevoli. Una storia che a tratti ha dell'assurdo, più che altro nei comportamenti della protagonista, ma che in fondo lascia attaccati allo schermo con la voglia di scoprire cosa dovrà succedere nell'immediato futuro. Il flim ve lo consiglio, poi ci tengo a dire che Kate Winslet è una bella gnocca!

Il curioso caso di Benjamin Button: davvero davvero bello. Benjamin Button è un essere umano nato vecchio. Non si capisce il motivo ma quando viene alla luce ha lo stato di salute (fisica, non mentale) di un uomo di ottant'anni, con le rughe e i vari acciacchi che contraddistinguono le persone anziane. La madre muore durante il parto, mentre il padre spaventato, lo abbandona davanti una casa di riposo. Qui viene accolto e allevato da una signora che sarà la sua madre adottiva e vive in mezzo ai vecchi...si sente a suo agio insomma. Gli anni poi passano e Benjamin cresce mentalmente, mentre il suo fisico ringiovanisce sempre più. Gira il mondo, conosce un saccco di persone, si innamora e vive un sacco di esperienze interessanti. Ha una vita piena, e sul racconto della sua vita è basato l'intero film. Ripeto, un film molto bello...dura due ore e mezza ma la visione è piacevole ed è condita da scene veramente esilaranti. Consigliatissimo!

Iago: ennesima rivisitazione in chiave moderna dell'Otello di Shakespeare. Il protagonista della storia però questa volta è Iago, uno studente della facoltà di architettura di Venezia. Ha due sogni: il primo è quello di firmare un progetto per una città ideale da presentare a una mostra di livello mondiale. Il secondo è conquistare Desdemona, la figlia del rettore dell'università. Sembra andare tutto per il meglio finchè a Venezia non si trasferisce Otello, figlio di un architetto di fama mondiale, amico del rettore e di conseguenza un raccomandato. Otello ruba a Iago il progetto e la ragazza. La vendetta di Iago sarà letale. Un film nel complesso ben fatto, la storia è ben raccontata e in certe scene è molto divertente. Consigliato vivamente!
Category: 1 comments