Recensioni film: Febbraio 2009

Il respiro del diavolo: un gruppo di malviventi sequestra un ragazzino dalla casa di una famiglia particolarmente benestante. Si rifugiano poi in una baita isolata per tenerlo nascosto e chiedere un riscatto per la liberazione. Ma non sanno con quale essere hanno a che fare. Le sue capacità sono in grado di aizzare le persone l'una contro l'altra e proprio il bambino li metterà seriamente in difficoltà. Film davvero molto bello. La tensione è sempre alta e non è mai noioso. Consigliato!

Revolutionary Road: drammatico. April e Frank sono una coppia felicemente sposata. Dopo un piccolo litigio si trasferiscono in una zona residenziale di una cittadina americana. I loro vicini di casa e le persone che li circondano li vedono come una coppia speciale, felici della vita che stanno vivendo. Ma la loro voglia di cambiare, di sentirsi giovani e di non volersi vedere passare la vita davanti li porta a prendere una decisione importante...mollare tutto e andare a vivere a Parigi. Gli sconvolgimenti che avrà questa decisione nel prosieguo della storia saranno devastanti. Un film davvero molto bello, a tratti addirittura angosciante ma ben fatto. Non guardatelo se siete depressi!

The Reader: drammatico anche questo...che depressione in sto periodo al cinema! Comunque, la storia inizia a Berlino, siamo nel periodo del dopoguerra. Un ragazzo di 15 anni, Michael sta tornando a casa quando un malore lo coglie all'improvviso e una signora lo soccorre e lo riaccompagna a casa. Lui si fa vivo dopo qualche mese per ringraziarla di quanto aveva fatto, e tra i due nasce una relazione amorosa. Si continuano a vedere per diversi mesi e i loro incontri sono caratterizzati da delle letture prima di fare l'amore. Un giorno, Hanna, questo è il nome di lei, riceve una promozione sul lavoro e sparisce inspiegabilmente dalla circolazione. Michael è disperato, ma la sua vita prosegue e diventa un avvocato, si crea una famiglia. Anni dopo si rivedono, in un aula di tribunale in circostanze poco piacevoli. Una storia che a tratti ha dell'assurdo, più che altro nei comportamenti della protagonista, ma che in fondo lascia attaccati allo schermo con la voglia di scoprire cosa dovrà succedere nell'immediato futuro. Il flim ve lo consiglio, poi ci tengo a dire che Kate Winslet è una bella gnocca!

Il curioso caso di Benjamin Button: davvero davvero bello. Benjamin Button è un essere umano nato vecchio. Non si capisce il motivo ma quando viene alla luce ha lo stato di salute (fisica, non mentale) di un uomo di ottant'anni, con le rughe e i vari acciacchi che contraddistinguono le persone anziane. La madre muore durante il parto, mentre il padre spaventato, lo abbandona davanti una casa di riposo. Qui viene accolto e allevato da una signora che sarà la sua madre adottiva e vive in mezzo ai vecchi...si sente a suo agio insomma. Gli anni poi passano e Benjamin cresce mentalmente, mentre il suo fisico ringiovanisce sempre più. Gira il mondo, conosce un saccco di persone, si innamora e vive un sacco di esperienze interessanti. Ha una vita piena, e sul racconto della sua vita è basato l'intero film. Ripeto, un film molto bello...dura due ore e mezza ma la visione è piacevole ed è condita da scene veramente esilaranti. Consigliatissimo!

Iago: ennesima rivisitazione in chiave moderna dell'Otello di Shakespeare. Il protagonista della storia però questa volta è Iago, uno studente della facoltà di architettura di Venezia. Ha due sogni: il primo è quello di firmare un progetto per una città ideale da presentare a una mostra di livello mondiale. Il secondo è conquistare Desdemona, la figlia del rettore dell'università. Sembra andare tutto per il meglio finchè a Venezia non si trasferisce Otello, figlio di un architetto di fama mondiale, amico del rettore e di conseguenza un raccomandato. Otello ruba a Iago il progetto e la ragazza. La vendetta di Iago sarà letale. Un film nel complesso ben fatto, la storia è ben raccontata e in certe scene è molto divertente. Consigliato vivamente!
Category: 1 comments

1 comments:

MDlogo said...

Devi troppo vederti "L'onda"...